domenica 8 novembre 2009

Le ultime da Palazzo Comunale - Tra il serio (poco) ed il faceto (molto)

La settimana appena trascorsa l'amministrazione Perry ci ha regalato alcune perle.
1) Pensilina di piazza Stradivari. Non era facile sbagliare, ma ci sono riusciti. Fulgido esempio di incompetenza dei nostri eroi. Nessuno la voleva più, tutti d'accordo nel rimuoverla, destra, sinistra, centro... tutti! Bastava contattare i rottamai di Cremona e regalarla a chi l'avesse rimossa a sue spese. Lavoretto facile facile, pochi colpi di flessibile... Invece no. Si spendono 55.000 euro per rimuoverla! Pazzesco. La ditta Beltrami ringrazia con affetto per il pensiero. I cittadini un po' meno... Vedremo poi quanto costerà custodirla nei capannoni della stessa ditta. Incompetenza? speriamo...
2) L'Assessore leghista alla Sicurezza si fa rubare la cassa del partito. (Già il fatto è tutto un programma) Cacci ai colpevoli: zingari? Albanesi? Romeni? Nordafricani? No, militanti della Lega!!! Si, insomma, uno di loro è scappato con la cassa (3 o 4 mila euro). Padania ladrona?!
3) Sul quotidiano funerario (copyright di Antonio Leoni) oggi Malvezzi annuncia in pompa magna che si attiverà per riqualificare la Galleria. Il modello? Galleria Sordi a Roma. E' la prima cosa intelligente che esce da questa (dis-ordinaria) amministrazione. Peccato che la proposta sia stata fatta dal sottoscritto nello scorso mandato e rilanciata dal medesimo in campagna elettorale. Ovviamente il cattobigotto ciellino Malvezzi non ha fatto cenno alla paternità del progetto. Si vede che non sta attento a Messa: "Dare a Cesare quel che è di Cesare" gli ricorda niente?
4) Finito anche il penoso valzer delle nomine negli enti. Il nostro Perry, per non sapere ne leggere ne scrivere (oddio, forse ho usato un'espressione infelice...) ha piazzato tutti presidenti ex AN: Pasquali a Linea Group, Ruggeri a Cremona Solidale. E piuttosto che lasciare a Forza Italia la presidenza della Fondazione ha riconfermato il presidente Lonardi di centrosinistra, mettendolo in quota a se stesso evidentemente, infatti il PD ha indicato Storti e Bettoni. Così si allunga l'elenco dei felici&trombati, ovvero gli amici personali di Perry che l'hanno aiutato a vincere e che speravano in un posto, ma sono stati inesorabilmente fatti fuori. Nell'ordine: Mino Galli aspirante presidente di Padania Acque, Sergio Vacchelli aspirante presidente della Fondazione, Gigi Baldani aspirante Direttore Generale del Comune. Emiliani invece ha rifiutato la presidenza di Cremona Solidale: gli ha fatto una pernacchia (politicamente s'intende). Finalmente qualcuno di buon senso che evita di imbarcarsi su una nave appena salpata ma che fa già acqua da tutte le parti e non per le cannonate degli avversari, ma per le bordate che si danno tra di loro! Buona domenica a tutti.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi il tuo commento a questo post.